IL POLITECNICO DI LISCO…

di Raffaele Lisco.

Sarebbe bastato chiedere e, volentieri, avrei prestato la mia scienza per il Bene del Paese…

Anche se nessuno mi crederà, il più sorpreso da quanto accaduto in seguito al mio articolo di denuncia descrittivo della grave situazione esistente all’incrocio tra via Udine e via Pola (Zona Colmata di Grado – ndr), sono stato proprio io. Nella foto di testa articolo, si può vedere l’immediato intervento “spontaneo” dell’amministrazione di Grado per normare il sito in oggetto.

Dove non c’era nulla di utile e visibile per segnalare l’obbligo di arrestare il veicolo proveniente da via Udine, dando la precedenza a chi in transito dal senso unico di via Pola, oggi si vedono ben DUE enormi cartelli di STOP, una striscia di arresto con scritta ben visibile e rinnovate strisce pedonali di attraversamento.

La sorpresa di cui sopra, è sopraggiunta nel preciso momento in cui mi sono reso conto che, a sole 24 ore dal mio articolo, ha funzionato maggiormente il commento di un pluripregiudicato diffamatore, piuttosto che la “scienza” del Politecnico di Milano.

Dopo anni d’immobilismo istituzionale, numerosi sindaci, giunte elette e ben quattro anni di “cambiamento” civico, rassegna di “illuminati” che non sono stati capaci di risolvere il banale problema di segnalare un incrocio protagonista di numerosi incidenti, ecco che lo Scemo del Villaggio ha compiuto il “miracolo”.

Da ieri, la mia somiglianza con una Divinità Onnipresente, Onniscente e Nullafacente, si sta dimostrando solida realtà e sto pensando seriamente di presentare domanda di laurea Ad Honorem in ingegneria, ramo Urbanistica. Sarebbe gradita anche menzione accademica da parte del Politecnico di Milano, magari ricevuta proprio dalle mani del fratello occulto di Dario Raùgnasindaco di Grado, quello intelligente della famiglia.

Scherzi a parte, la riflessione d’obbligo è l’ennesima dimostrazione di quanto possa essere efficace una corretta informazione, l’evidenza dell’incontenibile potere della Comunicazione, perfino quando proposta da uno stupido come il sottoscritto. “Espulso” dal Sistema ma abbastanza  capace di trattare la materia…

Al contrario, la soluzione di un banale quanto fondamentale problema viario, incontra tutta la sua palese dimostrazione di come basti il solo buonsenso per ottenere dei risultati efficaci e immediati, presto e bene. Le balle raccontate da quelli che sarebbero stati eletti per risolvere e non complicare (…), si sono sgretolate davanti all’evidenza operativa messa in atto (spontaneamente…) da loro stessi.

Incolpare la “burocrazia”, l’Europa, la Politica, la Magistratura, Sopraintendenze assortite e tutto il resto del campionario della bugie usate per giustificare la propria inefficienza, alla fine si ritorce contro i mittenti, costretti a mostrare al mondo quello che valgono VERAMENTE..

Per quanto mi riguarda, mi ritengo soddisfatto per aver dato il mio piccolo contributo alla comunità gradese. Ancora una volta e a costo zero.

Oggi mi sento un po meno stupido di come mi dipingono “quelli bravi”…

®RIPRODUZIONE RISERVATA.

 

 

 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.