SARA POLO, “PERSONAGGIO POLITICO”…

di Raffaele Lisco.

Dice il Saggio: “…troppa tinta sopra i capelli, poca sostanza sotto i capelli…”.

Una cosa va detta, di questa amministrazione si potrà criticare tutto ma non certo la capacità di farci sganasciare dalle risate.

La rincorsa dei “civici” (un giorno “indipendenti” e l’altro rimorchio del Partito Democratico…) a inventarsi tutti i giorni il metodo più divertente per allietare le difficili giornate dei gradesi (e non), ha raggiunto vette inarrivabili anche per il più fantasioso degli autori comici. A questi Gino & Michele gli spicciano casa…

Non bastassero i gustosi siparietti (a pagamento…) del Cazzaro Lagunare (Dario Raùgna) unico convinto di essere un Grande Statista, i funambolismi senza rete di Fiorenzo Fachinetti, ieri “fascista” e oggi “democratico”, le “opere” ingegneristiche del simpatico umorista Fabio Fabris e i turismi del BimboMinkia Matteo Polo, un’altra “stella” del panorama “politico” si va ad aggiungere al firmamento del Cabaret “Civico” Gradese.

E’ il turno di Sara Polo, assessora alla Kultura e Istruzione del Comune di Grado, trasformare le giornate uggiose degli isolani in scompiscianti manifestazioni di gigantismo egocentrico. La “bionda” pulzella folgorata sulla Via della Conoscenza, Arte, Musica & Spettacolo, ci rende noto che ella è nientepopodimeno che un “PERSONAGGIO POLITICO”, con tanto di pagina dedicata sui Socials, giusto per non essere da meno di quel ganassa di Dario Raùgnasindaco di Grado.

L’ossimoro “professionale” che definisce l’affermazione in oggetto, concede a chiunque di noi “inferiori”, il precedente per autodefinirci come ci pare. Per esempio, io stesso potrei vendermi come “alto, biondo e con gli occhi azzurri”, oppure Enzo Tirelli avrebbe pieno titolo per scrivere sul suo curriculum “Il Più Bello d’Italia” e, perchè no, per non stare sempre dentro i confini dell’isoletta, Rudy Ziberna (sindaco di Gorizia – ndr) malato di anoressia…

E’ vero che il potere dà alla testa, soprattutto quando ci spalmi sopra decalitri di vernice gialla per sembrare più biondo (…), però un conto è simpaticamente andare “oltre”, un altro è essere convinti di aver abbandonato la precedente condizione di ignoranza (politica) per entrare di diritto tra gli “elevati”. Peggio ancora, quando non ti basta bullarti in famiglia e affini ma pretendi pure che il resto del mondo, che ti conosce benissimo, si beva d’un fiato cotanta superbia.

Tipico della categoria delle “basabanchi” vendere l’immagine della devota e, contemporaneamente, sperare nella cruenta tortura dell’avversario. Cantare nel coro e immaginarsi carnefice del tuo odiato, a mezzo “scorticamento” a vivo.

Curiosamente, la stessa persona che oggi si battezza “PERSONAGGIO POLITICO”, assomiglia moltissimo a quella modesta siorèta che, poco tempo fa, pietiva dal sottoscritto lezioni sulla differenza tra una delibera e una determina…

Giusto così, in fondo nella vita s’impara presto, soprattutto quando fai parte anche tu del Gruppo Miracolati e, quindi, di diritto, diventi “PERSONAGGIO POLITICO” grazie alle dimissioni di chi ti ha asfaltato nelle preferenze degli elettori. Nella vita, anche la fortuna conta, alla faccia di quelli che passano il tempo a studiare sui libri…

Quasi quasi, prendo appuntamento dal mio barbiere (Renato “FECCIA” Bonaldo) e mi faccio tingere i capelli color biondo epatite, uguale alla “signora” Sara Polo.

Hai visto mai che, stavolta, divento un “PERSONAGGIO POLITICO”  anch’io?

®RIPRODUZIONE RISERVATA.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.