LE “FRASI CELEBRI” DI DARIO RAÜGNA.

di Raffaele Lisco.

Inizia oggi una nuova Rubrica dal titolo “Le Frasi Celebri di Dario Raùgna”, lavoro che ci seguirà da qui alle prossime elezioni amministrative di Grado

Per chi ancora non lo sapesse, la Sacra Triade dei diffamatori gradesi (Patruno, Maricchio “Buba” e Lisco – ndr), in oltre dieci anni di (dis)onorato servizio, ha accumulato tanti di quei terabyte da riempire gli archivi della Nasa.

Filmati, immagini, interviste, dichiarazioni, commenti e tutto quanto ha fatto la Storia Politica di Grado (e non), sono il patrimonio col quale riusciamo a “ricordare” ai nostri fans che ci seguono da sempre, cosa sono stati capaci di promettere, giurare e garantire sulla propria “onorabilità”, la serie infinita di personaggetti che dal 2010 (circa) a oggi, hanno tentato la scalata alla mesata retribuita.

Oggi vi ripropongo un brevissimo filmatino da meno di 120 secondi, opera realizzata da Sandro “Buba” Maricchio (in arte il Bisato), sequenza girata durante un comizio pre elettorale (2016) del candidato a sindaco di Grado, Dario Raùgna. Mi sono permesso di rubacchiare il video al suo Autore, per agevolare la vostra informazione.

Aprite l’immagine a tutto schermo, alzate l’audio al massimo e ascoltate con attenzione il delirio di onnipotenza di un ometto convinto di essere qualcuno, in seguito caduto miseramente proprio sulle sue stesse dichiarazioni di “statismo” smentite ingloriosamente dai fatti.

 

 

Se siete riusciti a non seminare vomito sul divano di casa, dopo aver ascoltato un poveretto spargere “illuminismo” Volteriano come se non ci fosse un domani (…), mi permetterò di ricordare ai miei lettori come la “partecipazione” figlia del Narcisismo da Pulpito, si sia trasformata nell’esatto contrario simil dittatura Sudamericana.

Nel suo discorsetto pieno di buoni propositi, frasi ad effetto tipicamente usate dagli imbonitori da televendita e dichiarazioni su come lui avrebbe amministrato una comunità “…se IO diventassi il sindaco…”, il riferimento alla “partecipazione”, al “coinvolgimento” del popolo nelle scelte importanti e la “trasparenza” delle azioni governative, sono il mantra col quale la nostra Wanna Marchi Lagunare si è venduto a mezzo truffa spregiudicata.

In realtà, raggiunto il suo opportunistico scopo di riuscire a smettere di pelare patate in Svizzera (…), una volta diventato sindaco, sappiamo tutti molto bene dove siano finite la “trasparenza”, la “partecipazione” e il “coinvolgimento”. Una scientifica “blindatura” del suo “reame” ha sostituito le belle parole usate per raggirare i gradesi.

Tuttavia, il passaggio meritevole di allergico prurito allo scroto, è quello nel quale oltre a insultare l’amministrazione Maricchio (“…indecente…”), il disturbato ometto ci cantilena la sua propensione al “…saper accettare le critiche…”, spergiurando che lui da “eletto” avrebbe accettato il dissenso “…discutendone apertamente…”.

La sua “aperta discussione”, in realtà, è diventata l’uso e l’abuso della denuncia in ogni dove, la richiesta pressante di “censura” di qualsiasi commento sfavorevole, il piagnucolio da “lesa maestà” nelle sedi preposte, l’infamante adozione della querela alla Procura della Repubblica contro Consiglieri, cittadini e pubblicisti indipendenti dell’informazione.

Non ci credete? Eccovi allora la prova documentale della sua prima denuncia alla Procura della Repubblica e Polizia Postale, richiesta inoltrata esattamente negli stessi giorni di quel filmato che avete appena visto. Ancora prima di diventare sindaco il “collaborativo” Raùgna chiedeva la mia testa, solamente perchè supportavo la mia candidata Elisabetta Medeot (la più votata nella Storia di Grado…). Era maggio 2016…

Questo è il VERO Dario Raùgna, un “predicatore” dell’onestà pronto a rivelarsi un razzolatore della disonestà, la classica figura del vigliacchetto da delazione alla signora maestra, un bulletto capace unicamente di sottrarsi al confronto diretto, pronto a spendere soldi pubblici per regalarsi l’immaginetta di “personaggio politico” nelle sedi amiche dell’informazione prezzolata.

Mi fermo qui, per adesso, la Rubrica sulle “Frasi Celebri di Dario Raùgna” (e del suo Cerchio Magico) è appena iniziata

…to be continued…

®RIPRODUZIONE RISERVATA.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.