MAGO SPIA HA COLPITO ANCORA…

di Raffaele Lisco.

Ancora una volta Mago Spia ha indovinato il futuro.

Il Governo Nazionale, il Comitato Tecnico Scientifico e il Presidente della Regione FVG, hanno dato ai cittadini la comunicazione ufficiale che, da ieri 6 dicembre, la regione è tornata di colore “giallo”, con tutte le conseguenze del caso.

Esattamente come il sommo Profeta, per l’anagrafe Raffaele Lisco, vi aveva anticipato su questo blog già in tempi non sospetti, ovvero con articolo “premonitore” pubblicato in data 18 novembre. Andate a ritroso nella cronologia di pubblicazione e troverete il pezzo intitolato “A fine mese si torna in giallo”.

Fuori dalla Satira, atteso il fatto che, purtroppo, non sono ancora dotato di poteri paranormali (altrimenti indovinerei la sestina del Superenalotto…), non è stato difficile travestirmi da mago (abusivamente), e nemmeno spacciarmi per Aruspice capace di leggere nelle viscere dei calamari.

La verità è che siamo diventati talmente scontati, che prevedere il futuro è fin troppo facile. Una società banale, burina, prevedibile nei comportamenti e normalizzata nelle reazioni, si presta alle farlocche “divinazioni” di chi capace di leggerne in anticipo i movimenti.

Non ci voleva un “prestirigiditatore” per indovinare che il bisogno di evadere dalla clausura imposta dalla pandemia, la necessità di spendere quelle quattro lire risparmiate per causa di forza maggiore e tentare di evitare il fallimento generale delle attività economiche, avrebbe obbligato i governanti a inventarsi il classico “calo del contagio” (…) ed emettere il “tana libera tutti”.

Tutto già visto, scontato, banale, una fiction formato replica, la narrazione di un film già visto più volte. Con la Propaganda di Stato si muovono le masse e il gregge belante segue docilmente il Buon Pastore capo dei “migliori ministri” (…) che lavorano per noi e per il bene del paese

Adesso ci facciamo il nostro dicembre “natalizio”, facendo finta di osservare le precauzioni consigliate da quelli che già sanno che a gennaio torneremo a impestarci a mezzo “terza ondata” (che poi è sempre la prima che sale e scende…) e, tutti in coro, ce ne fregheremo bellamente, tanto “arriva il vaccino”.

Mentre accadrà tutto questo, l’unico consiglio che, dall’alto della mia divinazione, mi sento di donare a voi “inferiori”, è quello di non fare gli sfigati che schiattano di coronavirus prima che i nostri “ssssssienziatti” dichiarino, a mezzo stampa, che “siamo guariti” dalla pandemia.

Così, finalmente, torneremo a morire di “cancro semplice”, “infarto banale” e “normale ictus”.

®RIPRODUZIONE RISERVATA.

 

 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.