MI VACCINO, PERDERO’ L’IMMORTALITA’?

di Raffaele Lisco.

Dicono che sia venuto il mio turno di vaccinarmi contro il Covid 19. Resterò Immortale?

Le ultimissime, raccontano che da oggi, 24 marzo, si darà inizio all’apertura vaccinale per le categorie cosiddette “fragili” e per gli anziani di età compresa tra i 75 e i 79 anni.

Delle due, posso “vantarmi” di rientrare nella prima selezione, ovvero quella corposa schiera di “avariati” in grado di dimostrare almeno una patologia invalidante. Visto che posso documentare quanto affermo con (almeno) una quintalata di fascicoli sanitari conseguenti a trapianti, operazioni, indici glicemici da diabetico praticante, cardiopatie coronariche e farmacologie assortite, attenderò la convocazione del mio Reparto Specialistico (Epatologia), per assumere la mia “dose” di medicina anti contagio.

Devo ammettere di non essere tanto tranquillo, soprattutto leggendo i pareri contrastanti di chi afferma ampie mortalità conseguenti al vaccino e i loro contrari che garantiscono l’inesistenza di qualsiasi effetto collaterale mortale e/o invalidante.

Purtroppo non ho scelta, non posso rischiare di rimanere “scoperto” al contagio. Se, fino a oggi, sono riuscito a farla franca, solo perchè il mio eremitismo coatto (dovuto al disgusto verso il mio prossimo) mi ha impedito di alcolizzarmi nei bar dell’isola e guadagnarmi da una sacrosanta multa fino a una ricca quarantena (…), vorrei uscire dai “domiciliari” prima possibile, magari esibendo un patentino di avvenuta vaccinazione ai controllori.

Ormai, è passato troppo tempo dall’ultimo “take off” verso le mie spiagge “adottive” e la nostalgia del Pad Thai, la lontananza dai ritmi Caraibici e l’assenza dal Mal d’Africa, mi hanno fatto invecchiare (dentro) più di quello che dovrebbe essere il ritmo naturale. Devo ripartire, prima che le mie ossa si ammuffiscano nell’umido dell’isola e le palle si atrofizzino per motivi “civici”…

Non ho il minimo dubbio che, dopo la somministrazione medica, riprenderò il mio aspetto fisico “originale” (quello nella foto di testa articolo) per esibire nuovamente la freschezza perduta dal troppo abbruttimento accusato dallo stretto contatto (obbligatorio) con la babbiona scassapalle che mi perseguita dal lontano 1980…

Però, resta senza risposta il dilemma sulla possibilità che la “pera” di Pfizer (o Moderna) che mi infileranno nel braccio, rischi di compromettere la mia certificata Immortalità. Dopo anni e anni di accanimenti terapeutici che avrebbero stroncato un toro ma, fortunatamente, hanno “solamente” intaccato la mia forma fisica, dispiacerebbe vanificare tutto per eccesso di prudenza

E’ vero, ho retto alla grande nel tratto di fisico compreso tra il collo e l’ombelico. In cambio, ho dovuto pagare pegno sia a monte che a valle, certificata l’inutilità della testa e dello scroto. Poco male, in fondo ne l’una ne l’altro venivano utilizzati da anni e anni e, nel cambio, credo di averci guadagnato…

Via libera al vaccino, quindi, in attesa della chiamata del mio turno in lista d’attesa, quando sarà, senza forzature “alla Scanzi” o privilegi da categoria “produttiva”. Anche perchè di “produttivo” posso solo esibire il primato di rompicoglioni professionista, titolo non ancora riconosciuto dall’Inps.

Quando lo diventerà, magari grazie ai Grillini o Enrico Letta (…), potrò dichiararmi come l’uomo più pagato d’Italia…

®RIPRODUZIONE RISERVATA.

 

 

 

 

 

 

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.