EDITORIALE – LA PANDEMIA E’ (QUASI) FINITA…

di Raffaele Lisco.

E’ quasi ufficiale: mancano poche settimane alla fine della Pandemia da Covid 19.

Se ho capito bene, il “messaggio” che il Governo ci sta iniziando a mandare attraverso i Media, ci dice che è iniziato il conto alla rovescia per il Covid 19.

Così come, attraverso la propaganda retribuita, il Sistema Mondiale era riuscito a terrorizzare l’intero pianeta sull’esistenza di un virus comparso misteriosamente dalla sera alla mattina, batterio capace di “mutare” schivando qualsiasi cura non autorizzata dai Governi (…), adesso si sta lavorando per decretarne la scomparsa.

Per chi conosce il “propagandese” di Stato, non diventa difficile tradurre le dichiarazioni, sempre più convinte, degli “scienziati” ingaggiati dal Governo per trasmetterci gli “ordini” dei komandanti.

Proviamo a riflettere insieme: il virus Delta è mutato in Omicron, furba condizione utile per definirsi “più blando”, rispetto all’inizio, facilmente curabile e poco aggressivo per il contagiato.

Non si muore più di Covid, al massimo si sconta una forma d’influenza normale, pochi giorni di febbriciattola superabile ed ecco che la “peste” che circolava fino a Capodanno 2021, con l’anno nuovo porta in regalo una puntata di “Scherzi a Parte”

Chiaramente, gli “onorevoli”, per non perdere del tutto la faccia di fronte al popolo (che inizia ad annusare puzza di bruciato e non crede più a una sola parola del CTS, del Consiglio dei Ministri e, soprattutto, di Mario Draghi), si devono inventare un modo credibile, per uscire da una situazione sfuggitagli di mano.

Obbligatoriamente, ormai si possono solo appellare alla pratica del vaccino “salvatutto” per giustificare la fine di una pandemia che, oggi, sta assumendo la forma di gigantesca presa per il culo.

Pericolosamente circondati dai quelli che, fin dall’inizio, esprimevano i loro dubbi sulla faccenda pandemica e il suo corollario governativo, quella frangia dissidente in aumento esponenziale, gli “eletti” della Maggioranza Allargata cominciano a farsela sotto, consapevoli che i “sudditi” stiano iniziando a rialzare la testa e a contestare la “scienza” di una manciata di venduti in camice bianco.

Gli Italiani sono stufi del tira e molla quotidiano che rimbalza tra entusiasmi e depressioni, del bombardamento mediatico che ha distrutto qualsiasi relazione interpersonale, creando due fazioni opposte di convinti “vaccinisti” e altrettanto fedeli della “non vaccinazione” e non sono più disposti a tollerare la distruzione dell’economia nazionale fatta da piccole imprese sempre più in difficoltà, per colpa dell’incompetenza dei Ministri. 

La montante insurrezione “anarchica”, potrebbe rovinare i piani Europei e Draghiani di “ripresa” esagerata, stimati al 6% annuo. Meglio risolvere subito un problema che potrebbe rivelarsi gravissimo.

In più, la politica dell’ammucchiata, il “tutti dentro” per spartirsi il personale pezzetto di potere, indifferenti alle diverse ideologie d’appartenenza, purchè invitati alla tavola imbandita, comandati da un “terzo super partes” (Mario Draghi), così da non sentirsi succubi dell’avversario politico (…), sta per lasciare nuovamente il posto alla classica e collaudata faida partitica tra destri, sinistri, centristi e movimentisti.

In palio ci sono da spartirsi le prossime poltrone e, soprattutto, la gestione dei “migliardi” Europei, boccone troppo goloso per lasciarselo sfuggire per colpa di un virus…

Vedo e Prevedo, parola di “Profeta”, che prima di Pasqua, non appena avranno vaccinato tutti,  la pandemia sarà retrocessa a semplice contagio influenzale e quelli che continueranno a morire, saranno conteggiati alla tivù e sui giornali, come patologici malati della qualunque, meno che di Covid 19…

Il “giochetto” non funziona più, è ora d’inventarsi qualcosa di nuovo

®RIPRODUZIONE RISERVATA.

 

 

 

Related posts