EDITORIALE – CATTARINI SI RITIRA DALLE ELEZIONI.

di Raffaele Lisco.

L’avv. Riccardo Cattarini, NON SI CANDIDERA‘ alle prossime amministrative di Monfalcone.

La fonte è sicurissima e verificata, quindi mi posso sbilanciare nell’annunciare che Riccardo Cattarini, avvocato immortalato nella Foto Lapide di testa articolo (…), ha rinunciato a rappresentare il Partito Democratico alle prossime elezioni amministrative del Comune di Monfalcone, verifica politica in programma per fine maggio, salvo eventi catastrofici.

Necessario ricordare che Cattarini è uno “storico” rappresentante della Sinistra Isontina ed è stato uno dei tre candidati alle Primarie di Coalizione, competizione vinta da Cristiana Morsolin, la sfidante della Cisint scelta dal popolo della sinistra per le elezioni comunali.

Nel mondo “normale”, la Medaglia d’Argento delle Primarie (secondo su tre) dovrebbe portare a conclusione il percorso iniziato con la propria candidatura a sindaco, mantenere il sostegno di chi gli aveva chiesto di scendere in campo e accettare di mettersi a disposizione della Comunità. Difficile dubitare sulla garanzia che il candidato del PD, nonchè persona nota, non diventerebbe almeno Consigliere Comunale, quasi certamente dell’opposizione.

E’ allora perchè Cattarini “lascia” e rinuncia a evadere quanto già detto?

Forse non ha somatizzato la sconfitta alle Primarie di Coalizione, oppure non lo ha fatto il PD (…)?

Forse, anche lui, inizia a pensare che “alla nostra età” sarebbe anche ora di appendere il fegato al chiodo (…) e dedicarsi a qualche “hobbies” meno tossico della politichina Italiana…?

Forse, “quelli bravi”, hanno deciso che Cattarini non è un “cavallo” purosangue e va sostituito con un altro Campione? (già trovato…).

Forse – e mi fermo qui – la Sinistra Monfalconese ha capito che la Zarina sarà imbattibile nella “sua” città. Di conseguenza, chi non vive di politica è costretto a fare due conti (…) e l’avv. Riccardo Cattarini ha valutato (saggiamente) il “totale”?

Non lo so, non mi è nemmeno interessato saperlo da chi avrebbe potuto spiegarmelo (…). Quello che penso, è che la solita predisposizione al Masochismo Estremo del Partito Democratico, ha “bruciato” l’ennesima candidatura, annunciata ufficialmente, di un suo valido esponente interno.

Quando l’amico Riccardo aveva sciolto la sua riserva per la candidatura a sindaco di Monfalcone, mi ero preso la libertà di sfruttare in nostro comune comunicare (l’avvocato legge GradoSpia e “troppo” spesso, in privato, mi commenta gli Editoriali – ndr) per esprimere la mia perplessità sull’utilità di mettere la faccia su di una sconfitta annunciata. Non per demeriti suoi ma per oggettive difficoltà percentuali.

Ancora una volta ho avuto ragione e la mia “profezia” (ormai sono il n°1…) si è trasformata in realtà.

Dispiace per l’amico, meno per il politico.

Tanto, per uno che finalmente prova a uscire dalla dipendenza, ne arrivano altri tre…

®RIPODUZIONE RISERVATA.

 

 

 

 

 

Related posts