11.3 C
New York
sabato, Aprile 13, 2024

Buy now

Nina Moric ha rischiato di morire e nessuno è andato a trovarla: lo straziante racconto

Nina Moric ha raccontato la sua nuova vita e la difficile esperienza del ricovero in ospedale, durante il quale ha rischiato di morire, senza avere nessuno che venisse a trovarla. Intervistata dal settimanale Oggi, come riporta Today, ha parlato della sua “rinascita” ma anche del problema di salute che l’ha colpita.

Nina Moric e l’infezione al seno: il ricovero e l’assenza dei suoi affetti

Nina Moric preferisce definirsi “rigenerata”, come raccontato nell’intervista, perché questa parola evoca l’idea di un processo di trasformazione e di rinascita. La modella, in particolare, ha raccontato quanto accaduto a maggio, quando ha rischiato di morire a causa di un’infezione al seno che ha causato una sepsi. Dopo essere stata trascurata in un ospedale milanese, dove le sono stati prescritti antibiotici inefficaci, il suo seno è diventato di un colore viola e ha avvertito dolori atroci. È stata portata in codice rosso all’Humanitas, dove ha trascorso 20 giorni in ospedale, sottoponendosi all’asportazione del seno e della protesi. Ma la vera ferita per la Moric è stata il fatto che nessuno è venuto a trovarla durante questo periodo difficile, a parte un amico, e c’era solo un’altra persona che le telefonava dagli Stati Uniti.

Anche suo figlio Carlos non è andato a visitarla durante la sua degenza in ospedale. Non cerca di attribuire colpe a qualcuno, ma riconosce che da quasi cinque anni non ha più i legami affettivi primari con i suoi genitori, le sue sorelle e la sua famiglia. Per lei, Carlos non è solo un membro della famiglia, ma parte di se stessa. Tuttavia, è da molto tempo che non riesce a vederlo.

La rinascita della modella e l’addio alla tv

Ma Nina Moric, nel corso dell’intervista, ha parlato anche di rigenerazione e di rinascita. Tutto è iniziato quando ha compreso il suo valore e ha capito di meritare di stare bene. Ha perdonato se stessa per i suoi errori e ha accolto come un privilegio la possibilità di andare avanti nella vita. Il suo percorso di guarigione ha avuto inizio il 17 dicembre 2021, quando ha lasciato la sua vecchia casa senza sapere da dove ricominciare. Per due o tre mesi ha vissuto tra alberghi e sistemazioni temporanee, fino a quando ha trovato l’appartamento in cui vive attualmente.

È stato un momento di purificazione e, anche se il processo non è facile, vale la pena affrontarlo. Infine, ha preso decisioni importanti e irrevocabili, come abbandonare la televisione che considerava tossica e che non sapeva gestire.

Related Articles

Latest Articles